14/09/10

Naturismo e benessere: aeroterapia

Reazioni: 
La aeroterapia, o cura dell'aria, è conosciuta fin dall’antichità ed è stata ripresa e diffusa a partire dall'800. Il bagno d'aria può prevenire e curare molte affezioni. Nudi, si prova la respirazione diaframmatica, pancia in fuori e petto in dentro, proprio il contrario di quello che si dice di fare nelle palestre e nelle caserme del mondo intero.

Bisogna respirare come se si dovesse riempire d'aria l'intestino e lo stomaco. Questo metodo corregge il portamento, rassoda il ventre, massaggia e tonifica il cuore, il fegato, perfino gli organi sessuali, come sostiene un medico tedesco, il Dott. Karl Saller.

Respirare, profondamente, agendo sul diaframma, ha anche effetti calmanti, ci libera dalla tensione degli stress e dà sicurezza, come ha provato il Dott. Erwin Seeligmüller, internista a Coblenza. Il bagno d'aria nudista era già praticato dagli antichi egiziani, greci, romani e aztechi. Perfino Benjamin Franklin, come scriveva all'amico Dott. Dubourg nel 1750, praticava il nudismo per poter giovarsi del benefico bagno d'aria come di un calmante e un rilassante naturale. L'aeroterapia può servire a curare l'insonnia e la tensione nervosa in genere.

Un bagno d'aria terapeutico dura anche soltanto 15 minuti. La nudità continuata, perciò, è ancora più efficace. Solo l'eccesso di vento e di sole possono risultare leggermente stancanti, ma non l'eccesso d'aria. Per poter godere al massimo dell'aeroterapia, è sufficiente passeggiare in prati e boschi ricchi di essenze aromatiche (pini, abeti, eucalipti, timo, menta ecc.).

La quantità di ossigeno presente nell'aria ha una grande importanza. Per questo è meglio scegliere luoghi caratterizzati da piante che producono molto ossigeno, come sono in genere i boschi e specialmente quelli di latifoglie (faggi, castagni ecc.). Ottima per prevenire e curare raffreddori e catarri di ogni tipo, difetti nella circolazione del sangue e affaticamento, anche la cura di aerosol naturale da praticare sulle scogliere marine più battute dalle onde e dai venti o su uno stretto promontorio o su un'isoletta moto esporta. La miscela naturale di ossigeno, acqua, sali minerali e iodio in particolare, è un vero toccasana per il ricambio, le malattie della respirazione e della pelle.

Se l'aria è troppo fresca, come in montagna, nelle ore serali e in quelle del primo mattino, è meglio far seguire al bagno d'aria una doccia con frizione e poi un massaggio all'olio di oliva aromatizzato e un po' acidificato con qualche goccia di limone.

Le ore migliori per il bagno d'aria sono quelle del mattino o della sera. E se piove? Va bene lo stesso, anzi e meglio. Con la pioggia il potere purificatore dell'ozono naturale, l'azione dell'acqua e dell'acqua ossigenata, si aggiungono ai benefici dell'aria. Il bagno sarà molto più salutare.

Il clima marino ha effetti tonificanti ed eccitanti, è utile per i catarri cronici, le febbri da fieno, le malattie della pelle, la depressione, ecc.  Il clima di mezza montagna (400-100 mt) è tonificante per gli organi più sensibili, utile per i disturbi del sistema neuro-vegetativo e della circolazione, efficace nell'insonnia. Il clima di alta montagna (sopra i 1000 mt) è stimolante, utile nelle anemie, diminuisce la pressione arteriosa e rallenta il battito cardiaco, irrobustisce l'intero organismo, è salutare per gli astenici, gli ipertiroidei e i reumatici cronici. Il clima di lago (quando è molto esteso ovviamente) è utile per i sovraeccitati, i nervosissimi, per chi è affetto da disturbi psicosomatici di ogni tipo, compresi quelli digestivi.

La pelle esposta all'aria può eliminare una grande quantità di umori nocivi e di tossine col ritmo e l'intensità previsti dalla natura. Sudori, acidi urici, anidride carbonica, acidi organici, non più impediti dai vestiti, possono liberamente essere eliminati, dando sollievo a reni e fegato. I pori si dilatano, la pelle si purifica e ringiovanisce. Tutto l'organismo ne risente beneficamente come notavano già molti decenni fa i terapeutici Rollier, Rikli e Priessnitz.

Nessun commento:

Posta un commento